FANTASMA AZZURRINA

English Deutsch Français español русский chinese český
banner
Facebook Fan Page Twitter
FANTASMA AZZURRINA

Voti

ricevuti
10138

Vota il tuo mito!

FANTASMA AZZURRINA

Il fantasma di Montebello

In un castello situato a Montebello, in provincia di Rimini, nella seconda metà del XIV secolo, sparì misteriosamente una bambina, che ancora oggi fa parlare di se: si tratta di Guendalina Malatesta vissuta nel Medioevo, ma conosciuta da tutti come il fantasma Azzurrina.
Guendalina era albina e aveva i capelli bianchi. L'albinismo, nel medioevo, era fonte di sospetto e paura. Le sue caratteristiche somatiche, non erano viste con simpatia e, per questo, fu accusata di stregoneria e destinata ad una morte atroce. Per farla sopravvivere e darle una speranza, i genitori non le permettevano l’uscita dal castello. Preoccupati per il futuro della figlia e per proteggerla da tali infamie, decisero di tingerle i capelli con una sostanza a base di erbe, che scuriva i capelli, ma che al contatto della luce emanava dei riflessi azzurri. Così che, tutti iniziarono a chiamare la bambina con il nome di "Azzurrina".
Ma la storia che viene tramandata da secoli riguarda la sua strana morte, avvenuta all'interno del castello. Si racconta che il 21 giugno 1375 durante un temporale, Azzurrina stesse giocando con una palla fatta di pezza e spaghi. La palla rotolò giù per una scala, che conduceva alla ghiacciaia e la bambina corse a recuperarla. Due soldati udirono un grido e si precipitarono a cercarla. Ma ogni tentativo di ritrovarla fu inutile. Il castello e l’intero borgo furono setacciati per giorni e giorni... Azzurrina era scomparsa, come dileguata nel nulla.
Dal 21 giugno, ogni cinque anni, nella notte del solstizio d'estate, nel Castello di Montebello appare il fantasma di Azzurrina, la si ascolta ridere o piangere e si sente la sua voce. Da tempo molti studiosi ed esperti stanno tentando di capire l’origine di questi suoni. Dal 1990 sono state effettuate anche delle registrazioni dell'evento, che vengono fatte ascoltare ai turisti che visitano il castello. In questi nastri, realizzati dalla RAI e dall'Università di Bologna, si sente una voce di bambina piangere sottovoce in mezzo ai rumori di un temporale. L’università di Bologna iniziò subito degli studi approfonditi e si riuscì, sempre durante il solstizio nel 1995, a registrare anche il rumore della palla che rimbalzava, il ritocco delle campane e la voce più limpida di Azzurrina, tanto da riuscire a capire chiaramente che pronunciava la parola “mamma”. Nello stesso giorno dell’anno 2000 la stessa università, registrò ancora i lamenti della bambina. Oggi il castello di Montebello, è visitato da centinaia di persone non solo per il suo valore storico-artistico, ma anche per il fantasma di Azzurrina.

E' possibile effettuare visite diurne e notturne all'interno del castello, per maggiorni nformazioni visitate il sito www.castellodimontebello.com

Inserisci Commento

e-mail

Nome

Commento
captcha
Ricarica l'immagine
Dichiaro di accettare le informazioni sulla privacy
Data: 07/08/2010

questa storia e straordinaria ,bellissima..........

Data: 29/07/2010

forteeeeeeeee

Data: 27/07/2010

Questa storia è molto bella, anch'io presto andrò a visitare il castello di azzurrina :) !

Data: 11/07/2010

io a dire la verità un po' ci credo xk mi hanno detto che alcune legende pososno essere vere e io che ne so se questa leggenda è una di quelle vere io ci credo e poi anche se nn ci credevo nn lo dicevo xk è meglio evitare di dire queste cosa ciaooo

Data: 08/07/2010

POVERA PICCOLA AZZURRINA IO CREDO ALLE PRESENZE ; ESISTONO ECCOME , LE PERSONE CHE MUOIONO MISTERIOSAMENTE E CHE VENGONO UCCISE CON UNA MORTE ATROCE NON POSSONO RIPOSARE IN PACE,MA QUESTO NON è CAPITATO SOLO ALLA POVERA AZZURRINA E NON SOLO NEI CASTELLI MA ANCHE NELLE BELLE CASE MODERNE DOVE AVVENGONO OMICIDI CHE FANNO ACCAPPONARE LA PELLE è UNA VERGOGNA NON SI HA IL DIRITTO DI TOGLIERE LA VITA AGLI ALTRI , SOPPRATTUTTO I BAMBINI.

Data: 07/07/2010

Ho visitato pochi giorni fa il castello di Torriana. Leda Guendalina Malatesta non sembra essere l’unico fenomeno all’interno della rocca. La visita che ho fatto è avvenuta a mezzanotte, luci del castello spente…. solo torce elettriche in mano! Ho toccato l’orma di un piedino 35 lasciato su un soppalco da uno spirito che si è manifestato nel ‘90, ma più che altro HO ESEGUITO LA REGISTRAZIONE DI TUTTA LA VISITA. Cosa ho trovato di strano? Beh, intanto che sono stato all’interno del castello per un’ora e mezza, mantre la registrazione è stata di soli 51 minuti…. poi…. (preanbolo) ho registrato l’audio di tutto con un telefonino tenuto in sempre in mano… la registrazione presenta un “taglio” tra il momento esatto che metto piede nella stanza di azzurrina e quando esco….. poi, per evitare di confondermi in fase di analisi successiva, ogni rumore causato da me, veniva opportunamente “taggato” pronunciando vicino il microfono la fonte (ad esempio “Cerniera lampo giacchetto”…. ecc….) ma questi miei TEG vocali non si sono incisi…. Ultima cosa, utilizzando un software di analisi spettrografica (il file è tuttora in analisi) a 12,5 secondi ho visto innalzarsi la frequenza fino gli ultrasuoni, in concomitanza di una specie di sibilo, il quale amplificato e rallentato dell’85% si rivela una voce che dice “NON C’E’ PACE”, e viene pronunciata nella prima sala, dove in genere vengono effettuate le sedute medianiche. Metto a disposizione di chiunque voglia i file audio.

Data: 01/07/2010

Ascoltate bambini questa storia in realita è vera

Data: 21/06/2010

ciao a tutti ,questo castello mi è piaciuto molto ci sono stata venerdì 18 e le registrazioni fanno venire veramente i brividi consiglio vivamente di andarlo a vedere !!ciao bacio silvia da roma

Data: 21/06/2010

i fenomeni erano anche precedenti, sono state ritrovate testimonianze scritte che raccontavano di questi strani rumori e apparizioni, sono state poi rese pubbliche solo dal 90 perchè prima il castello era un'abitazione privata e non erano mai entrati esperti per fare delle registrazioni.

Data: 20/06/2010

domani è il 21 giugno 2010!!

I miti più amati
A Cesena