FANTASMA AZZURRINA

English Deutsch Français español русский chinese český
banner
Facebook Fan Page Twitter
FANTASMA AZZURRINA

Voti

ricevuti
10138

Vota il tuo mito!

FANTASMA AZZURRINA

Il fantasma di Montebello

In un castello situato a Montebello, in provincia di Rimini, nella seconda metà del XIV secolo, sparì misteriosamente una bambina, che ancora oggi fa parlare di se: si tratta di Guendalina Malatesta vissuta nel Medioevo, ma conosciuta da tutti come il fantasma Azzurrina.
Guendalina era albina e aveva i capelli bianchi. L'albinismo, nel medioevo, era fonte di sospetto e paura. Le sue caratteristiche somatiche, non erano viste con simpatia e, per questo, fu accusata di stregoneria e destinata ad una morte atroce. Per farla sopravvivere e darle una speranza, i genitori non le permettevano l’uscita dal castello. Preoccupati per il futuro della figlia e per proteggerla da tali infamie, decisero di tingerle i capelli con una sostanza a base di erbe, che scuriva i capelli, ma che al contatto della luce emanava dei riflessi azzurri. Così che, tutti iniziarono a chiamare la bambina con il nome di "Azzurrina".
Ma la storia che viene tramandata da secoli riguarda la sua strana morte, avvenuta all'interno del castello. Si racconta che il 21 giugno 1375 durante un temporale, Azzurrina stesse giocando con una palla fatta di pezza e spaghi. La palla rotolò giù per una scala, che conduceva alla ghiacciaia e la bambina corse a recuperarla. Due soldati udirono un grido e si precipitarono a cercarla. Ma ogni tentativo di ritrovarla fu inutile. Il castello e l’intero borgo furono setacciati per giorni e giorni... Azzurrina era scomparsa, come dileguata nel nulla.
Dal 21 giugno, ogni cinque anni, nella notte del solstizio d'estate, nel Castello di Montebello appare il fantasma di Azzurrina, la si ascolta ridere o piangere e si sente la sua voce. Da tempo molti studiosi ed esperti stanno tentando di capire l’origine di questi suoni. Dal 1990 sono state effettuate anche delle registrazioni dell'evento, che vengono fatte ascoltare ai turisti che visitano il castello. In questi nastri, realizzati dalla RAI e dall'Università di Bologna, si sente una voce di bambina piangere sottovoce in mezzo ai rumori di un temporale. L’università di Bologna iniziò subito degli studi approfonditi e si riuscì, sempre durante il solstizio nel 1995, a registrare anche il rumore della palla che rimbalzava, il ritocco delle campane e la voce più limpida di Azzurrina, tanto da riuscire a capire chiaramente che pronunciava la parola “mamma”. Nello stesso giorno dell’anno 2000 la stessa università, registrò ancora i lamenti della bambina. Oggi il castello di Montebello, è visitato da centinaia di persone non solo per il suo valore storico-artistico, ma anche per il fantasma di Azzurrina.

E' possibile effettuare visite diurne e notturne all'interno del castello, per maggiorni nformazioni visitate il sito www.castellodimontebello.com

Inserisci Commento

e-mail

Nome

Commento
captcha
Ricarica l'immagine
Dichiaro di accettare le informazioni sulla privacy
Data: 25/11/2008

Tutto quanto è qui raccontato e discusso di Azzurrina, riguarda la sua leggenda, che ognuno poi la racconta come la sente o come l'ha sentita raccontare. Di Azzurrina esiste la vera storia, frutto di anni di ricerche. La piccola si chiamava Guendalina Della Faggiola,figlia di Uguccione della Faggiola e di Costanza Malatesta, anno 1375. Se interessano altre notizie su tutto l'argomento che la riguarda, leggenda e storia, sono a disposizione. leofar15@tin.it

Data: 23/11/2008

ciao, io credo molto a queste storie e credo che azzurrina sia esistita sul serio, e che e' verissimo che la sua voce nel castello tutt'ora si sente. e' una storia da brivido, ma io possiedo la passione per le storie di fantasmi.

Data: 22/11/2008

Volete visitare il castello? Bene.. visita notturna della mezzanotte (o la precedente..) dopo aver cenato al Bar Ristorante Pacini che si trova subito prima di iniziare la scalinata.. Ovviamente dovete degustare il vino novello (ora e' il periodo giusto!) della casa e.. dell'ottima Cagnina fatta in casa.. 6 bottiglie in totale in 6 persone che eravamo.. poi ammirate la bellezza del castello infestato, sicuramente lo gusterete a pieno, porterete con voi un ricordo che durera' per sempre e.. vi richiamera' a ripeterlo... qualcuno aveva proposto di andare a far la visita il sabato a pranzo, pranzare, visitarlo, cenare , rivisitarlo e.. il giorno successivo si sarebbe ritornati a casa.. Come disse la guida, in un castello ci sono presenze inquietanti perche' e' un posto ove son avvenute cose poco piacevoli, sia stata la scomparsa di una bambina, la tortura di schiavi o altro...

Data: 16/11/2008

simpatica storiella!!! sono curiosa cmq di andare a visitare il castello chissà se azzurrina mi svelerà i numeri del lotto!!!!

Data: 15/11/2008

Non vorrei fare la scettica, ma secondo me è tutta una cavolata inventata da chi ne guadagna grande profitto! E poi è vero:nel medioevo non mi pare che si usasse rivolgersi ai genitori dicendo "mamma" o "babbo"....i morti li si dovrebbe fare riposare in pace punto e basta.

Data: 14/11/2008

CIAO PER SENTIRE LA VOCE DI AZZURRINA BISOGNA SCRIVERE CREDO VOCE DI AZZURRINA VIDEO YOUTUBE CREDOO EEEE!!! CIAO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! BY ANASTASIA

Data: 14/11/2008

io azzurrina l'ho sentita e comeeeeeeeeeeee mi ha ft visita al camposuola nn è stato affatto divertente....cmq mi ha spaventata nn so cs vuole da me

Data: 13/11/2008

da gusto pure noi ci vogliamo anda.............nn fa ridereeeeeeeeeee...........ke dici la smettiamo di piange

Data: 12/11/2008

ho tanta paura ma vorrei sapere di più !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! un suggerimento!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!PLEASE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! EWELINA GRAZIE

Data: 11/11/2008

io ho visitato il castello.... mamma mia ke paura..... io credo ke azzurrina poverina nn se lo meritava, ma da qnd ho visitato il castello sn rimasto tramautizzato: nn riesko + a dimenticare quel quadro..... la sera appena spengo la luce mi copro compresa la testa sotto il letto nn rieco + a stare al buio..... ho davvero paura e se qualcuno ha dei consigli gli lascio il mio indirizzo di posta elettronika e mi può skrivere : dovio@hotmail.it grazie

I miti più amati
A Cesena