MAZAPEGUL

English Deutsch Français español русский chinese český
banner
Facebook Fan Page Twitter
MAZAPEGUL

Voti

ricevuti
3817

Vota il tuo mito!

MAZAPEGUL

Folletto romagnolo

Paese che vai… folletto che trovi!
Qui in Romagna a farci compagnia è il Mazapegul. Un simpatico e dispettoso  folletto che passa le notti ad infastidire le giovani fanciulle e non solo. Lo studioso Giovanni Fantaguzzi, in una cronaca cesenate del 1400, racconta di un folletto innamorato di una giovane massaia e dei dispetti che era solito procurare al suo catino. Tutti sanno che i paesi pullulano di elfi e folletti, creature irreali e graziose con poteri magici, sono tante le storie che si raccontano su di loro soprattutto quelle sul  Mazapegul che è diffuso in tutto il territorio nazionale assume di volta in volta compiti, nome ed iconografia differenti. A Bergamo lo chiamano Barbech, Pappoli a Massa Carrara, Farfarelli in Lombardia, Lazio e Sicilia, Mazzamarillo nel teramano Mazz'marill, diviene Mazzamambrillo nell'alto Molise Mazzamambrigl, a Bari diventa U’augurie  Scazzamurid in Basilicata, Barabanen a Imola, e molti, molti altri…Pare, però, che l'origine del personaggio sia romagnola, dove lo troviamo oltre che con il nome di Mazapegul anche Mazapeder o Mazapigur o Caicarel o e fuletà. Mazapegul sta per Mazapegolo, secondo la tradizione popolare romagnola questo strano e piccolo animaletto, un po’ scimmia e un po’ bambino, cercherebbe ogni sera un ventre diverso nel quale coricarsi regalando attenzioni alle donne disponibili e dispetti a quelle meno contente. Si racconta che questo buffo folletto si innamora delle giovani di casa, le insegue, scompiglia i loro capelli, si insinua sotto le sottane è geloso e vendicativo, salta sui letti e sulla loro pancia perché imparino a saper portare il loro peso. Passa le notti ad attorcigliare in trecce le code e le criniere dei cavalli nella stalla, rendendo così furiosi i contadini costretti il mattino seguente a impiegare ore per spazzolare le loro bestie. Ha un cappellino rosso che lascia fuori dalla camera della persona che molesta, non fa del male, ma sale sul letto silenzioso e cammina sul petto creando delle difficoltà nel respirare. Spesso si associa la sua presenza al vortice del vento "e fulet". Numerosi sono le accortezze prodotte dagli abitanti delle campagne per tenerlo lontano; dal forcone posto sotto al letto o nelle stalle, alla scopa davanti alla porta, all'inevitabile ricorso al sacerdote-esorcista. A questo punto c’è da chiedersi come facciamo a sapere se il Mazapegul è stato da noi?  Si dice che lasci orme di gatto, quindi se si cosparge di farina il pavimento davanti all’uscio della porta, quando passa dovrebbe lasciare il segno! Leggenda o realtà… il mazapegul è un mito che non tramonta mai!

Inserisci Commento

e-mail

Nome

Commento
captcha
Ricarica l'immagine
Dichiaro di accettare le informazioni sulla privacy
Data: 07/01/2006

Sono Romagnolo ed il mazapegul di notte beveva il latte delle mie mucche, ma io l'ho sgominato rubandogli il cappellino rosso e bruciandoli i capezzoli con un ferro rovente.

Data: 25/12/2005

De Nardis ne La Piè del 1924 scrive "starebbe fra il gatto e lo scimmiotto ..." e non un bambino - l'immagine che lo rappresenta non è quella di un elfo con cui non ha nessuna parentela, ma quella di uno scimmiotto che file con un fuso e con in testa una berretta di tipo coronata e dorata la si trova nel fondo Bertarelli di Milano ....

Data: 15/12/2005

sono una signora napoletana che ama la terra romagnola e questo personaggio mi affascina come tutto ciò che riguarda la "buona e scherzosa magia" . qui a napoli abbiamo " o munaciello" anch'esso uno spiritello burlone e dispettoso. .Ciao bella Romagna!

Data: 22/09/2005

dalle zone di villafranca di forli (fc) dalla zona in cui provengo si chiama anche "malpèt" e mio nonno diceva anche di averlovisto!!

Vai a pagina 1 2 3 4
I miti più amati
A Cesena